Ex direttore licenziato rapina la sua banca. Arrestato

0
1247

Il 56enne, armato di pistola giocattolo ha provato a giustificarsi: «Era uno scherzo»

«Ve lo giuro, era tutto uno scherzo! Volevo solo mettere paura al vice direttore che era un mio amico». L’ultimo tentativo per evitare l’arresto per tentata rapina e sequestro di persona è miseramente fallito nella caserma dei carabinieri. Poi S.A., ex bancario di 56 anni, già direttore di quella stessa filiale della Banca dell’Etruria in viale Ippocrate, vicino a piazza Bologna, è finito in carcere. Era incensurato. Quattro anni dopo essere stato licenziato dall’istituto di credito, il 50enne si è «vendicato» giovedì scorso presentandosi con il passamontagna e nelle mani un coltello a serramanico e una pistola replica a salve. Adesso si trova ai domiciliari dopo che il gip ha convalidato l’arresto.

La cassaforte

Ma nessuno si è accorto che l’arma era un giocattolo e così quando il bandito è entrato, senza che fosse riconosciuto dagli ex colleghi, nella banca si è scatenato il panico. Qualcuno ha però avvisato i carabinieri, che sono piombati sul posto con varie pattuglie. Nel frattempo il rapinatore aveva minacciato l’attuale vice direttore costringendolo a entrare in una stanza dove c’era la cassaforte a tempo. S.A. sapeva bene come muoversi nella filiale visto che ci aveva lavorato a lungo prima di essere mandato via per decisione della direzione generale. Ma l’assalto è fallito e il 56enne è stato immobilizzato e ammanettato dai militari del Nucleo radiomobile e della compagnia Parioli.

Tratto dal Corriere della Sera

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO